Lunedì, 07 Giugno 2021 13:22

Le misure applicabili ai pubblici esercizi in zona bianca e in zona gialla

Facendo seguito alla news Fipe relativa all’Ordinanza con la quale il Ministero della Salute ha definito il limite massimo di commensali che possono essere seduti allo stesso tavolo in zona bianca (max 6 al chiuso, salvo che siano tutti conviventi – limite applicabile fino al 21 giugno - e nessun limite all’aperto), si rende noto che con ulteriore Ordinanza, datata anch’essa 4 giugno 2021, con effetti a partire da oggi, lunedì 7 giugno 2021, lo stesso Ministero ha disposto la collocazione in zona bianca delle Regioni Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto.

 

 

È bene ricordare che, allo stato attuale, oltre a quelle appena indicate, si trovano in zona bianca anche le Regioni Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna (cfr. news Fipe), mentre il resto del territorio italiano è collocato in zona gialla.
Con specifico riguardo ai Pubblici esercizi, si ricorda che:

le attività dei servizi di ristorazione sono consentite senza limitazioni orarie e nel rispetto, tra le altre cose, del limite massimo di capienza per i tavoli all’interno dei locali prima richiamato (cfr. cartello Fipe e check list Fipe);

- sono consentite, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, rispetto alle quali permane l’obbligo per i partecipanti di possedere una delle certificazioni verdi Covid-19, come chiarito con comunicato stampa congiunto del Ministero della salute e della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (cfr. check list Fipe);

- sono consentite le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno dei locali adibiti ad attività differenti (scarica la check list Fipe);

- è consentito lo svolgimento in presenza di fiere e congressi;
- restano sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso.

  • in zona gialla:

consentite le attività di ristorazione, con consumo al tavolo anche al chiuso, nel rispetto dei limiti orari per gli spostamenti. Sul punto è bene sottolineare che, a partire da oggi, 7 giugno, gli spostamenti sono consentiti dalle ore 5.00 alle ore 24.00 e che a decorrere dal 21 giugno prossimo, non vi saranno limitazioni orarie. Nello specifico:

-permane il limite di 4 persone allo stesso tavolo, salvo che siano tutte conviventi (cartello Fipe);

-è consentita, senza restrizioni orarie, la consegna a domicilio e il take away fino alle ore 24:00. Permane il divieto di consumo nelle adiacenze;

-aperti senza limiti di orario gli esercizi presso autostrade, itinerari europei E45 ed E55, ospedali, aeroporti, porti e interporti;

-consentite mense e catering continuativo su base contrattuale;

- consentite le attività degli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali, e strutture assimilate, anche nelle giornate festive e prefestive;

- possono svolgersi gli spettacoli aperti al pubblico, tra l’altro, in live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto nel rispetto degli specifici limiti di capienza previsti;

- permane, al momento, il divieto di svolgimento di feste nei luoghi al chiuso e all’aperto; tuttavia, a partire dal 15 giugno saranno consentite le feste conseguenti a cerimonie civili e religiose a condizione che i partecipanti siano muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19;

sospese le attività in sale giochi, sale scommesse, sale bingo, casinò, che potranno tuttavia riaprire a partire dal 1° luglio;

- permane la sospensione delle attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso.

Per maggiori dettagli si consulti il nostro pratico specchietto illustrativo.


Per saperne di più, contatta la nostra associazione territoriale a te più vicina!

Letto 2629 volte