Martedì, 26 Maggio 2020 10:12

Per le imprese della ristorazione novità sugli impianti di condizionamento

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato l’aggiornamento e l’integrazione alle “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive” di cui all’Allegato 17 del DPCM del 17 maggio 2020, espressamente recepite (a volte con integrazioni) dalla maggior parte delle Regioni (cfr. documenti FIPE sui protocolli applicabili per la ristorazione e per gli stabilimenti balneari nei diversi territori regionali).

 

In particolare, sono state aggiunte le schede relative ad alcuni settori che non erano stati ancora disciplinati (tra cui strutture ricettive all’aperto (campeggi); rifugi alpini; attività fisica all’aperto; noleggio veicoli e altre attrezzature; aree giochi per bambini) e sono state apportate alcune modifiche alle schede già pubblicate.

Il testo delle linee guida, coordinato con le integrazioni e le modifiche introdotte, è visionabile al seguente link.

Per quel che concerne il settore della ristorazione, è di particolare rilievo la modifica in ordine agli impianti di condizionamento, introdotta in accoglimento delle istanze che il sistema Confcommercio ha rivolto alle Istituzioni competenti nelle ultime settimane.

Nella precedente versione delle linee guida, si imponeva di “escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria”.

Nella versione odierna, si prevede apposita deroga a tale obbligo, nel caso in cui sia tecnicamente impossibile escludere detta funzione.

Invero, laddove la tecnologia dell’impianto di condizionamento non consenta di escludere la funzione di ricircolo dell’aria, l’esercente potrà continuare ad utilizzare gli impianti di condizionamento già in uso, dovendo tuttavia rafforzare le altre misure per il ricambio d’aria naturale, e garantendo, in ogni caso, la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell’Istituto Superiore di Sanità.

Per quanto riguarda gli stabilimenti balneari, si segnala l’introduzione di un’ulteriore raccomandazione consistente nel “favorire, per quanto possibile, l’ampliamento delle zone d’ombra per prevenire gli assembramenti, soprattutto durante le ore più calde”.

Come riportato nel comunicato stampa pubblicato sul sito web della Conferenza delle Regioni, la versione aggiornata delle “Linee guida” è stata già inviata al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro della Salute, Roberto Speranza e al Ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, affinché si possa procedere all’aggiornamento del DPCM del 17 maggio 2020.

 

link correlati:

Coronavirus - aggiornamenti quotidiani

26-05-2020

Letto 2000 volte