Martedì, 04 Agosto 2015 11:56

INTERVISTA AL PRESIDENTE LINO ENRICO STOPPANI SU REPUBBLICA

“SONO DAVVERO POCHI GLI ESERCENTI CONTENTI SPERIAMO NEL FINALE”

Siamo anche preoccupati per il dopo: ci manca solo che il sito diventi una nuova Gardaland


LINO Stoppani, presidente di Epam, l’associazione dei pubblici esercizi di Confcommercio: è cambiato qualcosa per i vostri affari nell’ultimo mese?
«Sappiamo dai dati degli alberghi e delle carte di credito che la domanda estera è cresciuta: ci sono più stranieri, ma questo non compensa la migrazione dei milanesi e degli italiani in generale verso il sito».
Eppure il sindaco ha citato il successo della Darsena.

«È la media del pollo di Trilussa: ci sono aree sicuramente fortunate come la Darsena, la Galleria (che beneficia delle serate della Scala) e Porta Nuova: ma i pubblici esercizi molto contenti rappresentano solo una piccola fetta, diciamo il 15 per cento, dell’effetto totale».
Lei aveva accusato l’amministrazione di fare poco per gli esercizi milanesi. Conferma, quindi?
«Io considero molto positivo che il sindaco, che ha ascoltato le nostre richieste, abbia deciso di spendersi in prima persona su ExpoinCittà, che avrebbe dovuto favorire l’osmosi tra Milano e il sito espositivo. Forse, finora, non c’era stata la necessaria attenzione: se adesso questo progetto riesce a decollare, ne guadagneremo non solo noi, ma l’intera città. Abbiamo fiducia su settembre e ottobre, ma staremo a vedere».
Colpa di Expo?
«Di certo non penso che il successo di Expo debba essere valutato sulla base degli incassi dei pubblici esercizi, ma noi speriamo che i numeri positivi valgano per tutti. Perché Expo chiude il 31 ottobre, ma i suoi effetti su Milano - quelli che non abbiamo visto finora - ci auguriamo arrivino. Speriamo che l’accreditamento internazionale che la città sta avendo continui, ma siamo preoccupati per il post Expo ».
Per quale motivo?
«Temiamo possa diventare stabilmente un luogo della movida, una nuova Gardaland milanese. Ci manca solo questo».

Roma 4 agosto 2015

Letto 1708 volte