Si riporta l'intervento del vice presidente vicario Aldo Mario Cursano a Mi Manda Rai 3 andato in onda il 18-09-2018 sulle false recensioni on line.

La rivoluzione digitale, che sta velocemente trasformando il mondo, interessa trasversalmente tutta la società e, se è vero che non si mangia né si beve (ancora) on-line, il settore dei Pubblici Esercizi ne è stato prepotentemente
investito. Qualche anno fa TripAdvisor è entrata a gamba tesa nel settore, con la novità delle recensioni on-line, che hanno rivoluzionato il concetto di “reputazione” dei locali, portando anche alla patologia della vigliacca diffamazione social, che ha allertato gli operatori e suggerito alla piattaforma nuove procedure per la verifica dell’autenticità dei contenuti.

Il servizio di assistenza, realizzato ad hoc da TripAdvisor per aiutare il mondo Fipe a risolvere le problematiche derivanti dall’utilizzo della piattaforma online e gestire le recensioni sospette, permetterà alle Associazioni territoriali di supportare i singoli ristoratori. Un ulteriore aiuto che va ad aggiungersi al servizio clienti di TripAdvisor, contattabile individualmente da ciascun ristoratore.

A Londra la Federazione Italiana Pubblici Esercizi e TripAdvisor hanno sancito una storica intesa nel primo incontro a livello planetario con un'associazione di categoria delle imprese di ristorazione. Tra i punti della "soluzione Fipe" il potenziamento dei filtri di ricerca sulla piattaforma, che su richiesta italiana verrà applicato su scala mondiale.

Fipe: "sentenza importante per la trasparenza del web" 

L’uso corretto degli strumenti digitali apre formidabili opportunità agli operatori dell’accoglienza, con la conseguente nascita di nuove figure professionali
HOTREC Hospitality Europe, associazione datoriale leader che rappresenta gli alberghi, i ristoranti e i bar in Europa cui Fipe aderisce, e TripAdvisor, il sito di viaggi più grande al mondo, accendono i riflettori su una sfida importantissima per l’industria del turismo: quella delle recensioni online, e si impegnano a far conoscere alle aziende come contribuire a combattere il problema delle recensioni fraudolente. Le due organizzazioni come primo intervento si impegnano insieme a sensibilizzare da un lato albergatori e ristoratori e dall’altro i consumatori dell’esistenza di società produttrici su larga scala di recensioni false e il loro impegno a combatterle.

“Non entro nel merito della sentenza che riguarda la revoca della sanzione dell'Antitrust, ma ritengo che Trip Advisor sia il nuovo che avanza, da accompagnare nel suo corretto utilizzo con costruttiva collaborazione anche da parte delle più importanti Associazioni di categoria, segnalando e intervenendo sulle manipolazioni o devianze, proponendo migliorie e correttivi che la pratica e l'esperienza dello strumento suggeriscono” dichiara così Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi a latere della sentenza del Tar del Lazio che annulla la sanzione di 500 mila euro comminata dall’Antitrust a Trip Advisor.

"Che TripAdvisor si muova, addirittura a livello globale, per contrastare il mercato delle false recensioni gestito da apposite società è una buona notizia - dichiara Aldo Cursano, vicepresidente vicario di Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi – che Fipe accoglie con soddisfazione visto che per prima, più di due anni fa, ha denunciato il malcostume delle recensioni a pagamento. 

IL MERCATO DELLE RECENSIONI ON LINE

IL MERCATO DELLE RECENSIONI ON LINE
Si è svolta il 28 agosto 2012 a Firenze la conferenza stampa "Il mercato delle recensioni on line". Hanno partecipato: Aldo Cursano, vicario nazionale e presidente regionale Fipe; Umberto Rapetto, generale della Guardia di Finanza, già comandante del Nucleo Speciale Frodi Telematiche, docente di investigazioni digitali e sicurezza nelle telecomunicazioni; Alfredo Zini, presidente nazionale Ente bilaterale del Turismo; Marcello Fiore, direttore generale Fipe; Andrea Nardin, direttore Confcommercio Toscana .