Venerdì, 21 Dicembre 2012 16:11

DECRETO BALDUZZI SULLE LUDOPATIE: MANCATA APPROVAZIONE DELLA PROROGA AL 30 GIUGNO 2013 DELL’OBBLIGO DI ESPOSIZIONE DEI CARTELLI DI AVVERTIMENTO NEI PUBBLICI ESERCIZI.

PUBBLICATA LA CIRCOLARE DEI MONOPOLI - DECRETO BALDUZZI SULLE LUDOPATIE: MANCATA APPROVAZIONE DELLA PROROGA AL 30 GIUGNO 2013 DELL’OBBLIGO DI ESPOSIZIONE DEI CARTELLI DI AVVERTIMENTO NEI PUBBLICI ESERCIZI.Aa

CIROLARE DEI MONOPOLI DEL 20-12-12 - ART. 7 DEL DECRETO LEGGE 13 SETTEMBRE 2012, N.158, CONVERTITO DALLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2012, N.189 - PRESCRIZIONE AI FINI DELLA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI GIOCO COMPULSIVO - PRIME INDICAZIONI.

Come noto l’articolo 7, comma  5 del Decreto Balduzzi  (DL 158 convertito con legge  189 del 2012 ) impone  l’obbligo di esporre  formule di avvertimento sul  rischio di dipendenza dalla pratica dei giochi con vincite in denaro (es. gratta e vinci) nonché le relative probabilità di vincita. Le medesime formule devono essere applicate:

 

  • sugli apparecchi di cui all’art. 110 comma 6, lettera a) TULPS 
  •  su apposite targhe  esposte nelle aree  ovvero nelle sale  in cui sono istallati i videoterminali  di cui all’art 110, c. 6 lett. b) del TULPS, nonché nei punti vendita in cui si esercita l’attività di scommesse in via principale.

 

I titolari dei locali di cui sopra sono altresì tenuti ad esporre all’ingresso ed all’interno dei locali il materiale informativo predisposto dalle ASL  diretto ad evidenziare i rischi collegati al gioco e a segnalare la presenza dei servizi  di assistenza pubblici e del privato sociale  dedicati alla cura ed al reinserimento sociale delle persone  con patologie collegate alla GAP.

    Per le violazioni il successivo  comma 6 prevede la sanzione di euro cinquantamila  che  per le violazioni relative agli apparecchi da gioco  si applica al solo soggetto titolare della sala  o del punto di raccolta dei giochi, ovvero al pubblico esercizio.

Nella lettera circolare prot. n. 2262 del  17.12.2012   si era annunciata una proroga al 30 giugno 2013 votata dalla commissione bilancio del Senato in sede di approvazione della legge di stabilità per il 2013.

Tale proroga, al contrario, non compare nel testo del maxiemendamento del Governo approvato ieri dal Senato e che in giornata sarà approvato anche dalla Camera.

Si prospetta una situazione estremamente delicata in ragione sia della imminenza dell’adempimento, che del fatto che quasi tutte le ASL non hanno ancora predisposto e diramato il materiale informativo sui rischi e sui punti di assistenza.

Pertanto si invitano le Associazioni in indirizzo a:

  1. Verificare se le ASL di competenza hanno predisposto le schede (lo ha fatto Milano con documento allegato)
  2. Inviare alle Asl che non hanno ancora predisposto il materiale la nota di sollecito che si allega.
  3. INFORMARE GLI ASSOCIATI CHE NON HANNO APPLICATO ALLE MACCHINE DA GIOCO  LE FORMULE DI AVVERTIMENTO (fornite dai concessionari) E CHE NON HANNO ESPOSTO IL MATERIALE INFORMATIVO PREDISPOSTO DALLE ASL  A DISATTIVARE  GLI APPARECCHI  ONDE EVITARE LA CONTESTAZIONE DELL’ILLECITO.

Si ritiene, comunque, che in  caso di contestazione il sollecito all’ASL a provvedere alla diramazione del materiale informativo costituisce un valido motivo di ricorso e di dimostrazione dell’inadempimento della struttura pubblica.

 

ALLEGATI:

allegato 1 - regione lombardia - il gioco d'azzardo puo' diventare un problema

allegato 2 - bozza lettera

CIROLARE DEI MONOPOLI DEL 20-12-12 - ART. 7 DEL DECRETO LEGGE 13 SETTEMBRE 2012, N.158, CONVERTITO DALLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2012, N.189 - PRESCRIZIONE AI FINI DELLA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI GIOCO COMPULSIVO - PRIME INDICAZIONI.

 

 

anno 2012

 

Letto 9238 volte