Lunedì, 09 Gennaio 2017 18:01

La mancia nei pubblici esercizi

Focus internazionale e comparato
Le imprese turistiche si trovano oggi ad operare in un contesto in cui la forte pressione competitiva internazionale ridisegna i flussi turistici e le condizioni economiche dei paesi di destinazione. In un periodo in cui si assiste alle difficoltà di mantenere costanti tali flussi, diventa fondamentale per le imprese del turismo essere in possesso degli strumenti necessari per guadagnare e mantenere costante il proprio posizionamento nel mercato globale.

Il Turismo è dialogo fra culture diverse e occasione per un utile scambio di esperienze. Consente all’uomo di aprirsi alla conoscenza di nuove persone, realtà e culture, in un’ottica sempre più globale. Informazione e formazione sono oggi elementi quanto mai essenziali per favorire il dialogo tra civiltà, per soddisfare le nuove esigenze della clientela.

Con queste premesse risulta indispensabile indirizzare il nostro sguardo oltre i confini nazionali per intercettare i cambiamenti. In questo sentiero si colloca la ricerca internazionale realizzata da Fipe, grazie al contributo di Adapt e Hotrec , sull’istituto della mancia nei pubblici esercizi.

La mancia rappresenta infatti un istituto di difficile inquadramento poiché spesso privo di normativa giuridica di riferimento e trattato in maniera molto differente dalle singole legislazioni dei Paesi europei ed extra europei.

Con questo studio pensiamo di aver dato uno strumento utile e soprattutto pratico riepilogando la regolamentazione della mancia nei principali Paesi europei (Italia, Francia, Germania, Polonia, Spagna, Svezia, Regno Unito) e nelle principali economie extra europee, quali Stati Uniti e Giappone.

In allegato l'ebook: La mancia nei pubblici esercizi

 

Letto 2082 volte

Articoli a cura di FIPE

  • Pubblici Esercizi: dalla chiusura per Covid-19 al “Rilancio”
    Pubblici Esercizi: dalla chiusura per Covid-19 al “Rilancio” Analisi / La chiusura forzata degli scorsi mesi, dovuta alla pandemia da Covid-19, ha messo a dura prova i sistemi economici e sociali di tutto il mondo, inclusi quelli del nostro Paese , le cui conseguenze non hanno tardato a palesarsi. Tra i settori delle piccole e medie imprese più colpiti, quello dei Pubblici Esercizi (bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie, catering, discoteche, balneari, ecc.) è stato esposto a un vorticoso shock economico-occupazionale e, la chiara dimostrazionedella voragine di perdite che questo periodo porterà con sé, è resa evidente da alcuni dati.
    Scritto Giovedì, 02 Luglio 2020 08:22 Leggi tutto...
  • Mixer giu. 2020 - Fase 2, la ripartenza è lenta
    Mixer giu. 2020 - Fase 2, la ripartenza è lenta Indagine / Alla fine il 18 maggio, il giorno della riapertura, è arrivato, il Paese è comunque entrato nel pieno della Fase 2. L’ impatto della pandemia e delle necessarie misure restrittive è stato devastante per l’intera categoria e continua ad esserlo anche nella cosiddetta “Fase due”. Secondo le stime del Centro Studi FIPE, la pandemia Covid-19 l’emergenza epidemiologica, ha prodotto per l’intero comparto dei Pubblici Esercizi perdite di fatturato pari a circa 28 miliardi di euro, sull’anno in corso, mettendo a rischio 50.000 imprese e 300.000 posti di lavoro.  
    Scritto Martedì, 30 Giugno 2020 15:13 Leggi tutto...
  • Mixer apr.-mag. 2020- Impatto coronavirus sulla ristorazione
    Mixer apr.-mag. 2020- Impatto coronavirus sulla ristorazione Indagine / Un paese si è fermato e all’ombra dell’emergenza sanitaria causata dalla pandemia coronavirus, c’è un esercito di micro e piccole imprese che si ritrova in mezzo a mille difficoltà perché il blocco totale dell’economia ha visto fermarsi “la loro economia”. Parliamo in particolare di bar e ristoranti che oltre ad essere un luogo di servizio, di convivialità, di confronto, lo sono anche di lavoro e di produzione di ricchezza.
    Scritto Venerdì, 24 Aprile 2020 14:59 Leggi tutto...
Archivio News Articoli a cura di FIPE