Venerdì, 15 Marzo 2013 16:31

Dopo l'articolo 62 - Le regole sui pagamenti dei fornitori

Con il decreto liberalizzazioni 2012 è stato introdotto il famigerato articolo 62 che imponeva di pagare a 30/60 giorni i prodotti alimentari e di avere un contratto di acquisto per ogni fornitore e ciò allo scopo di tutelare produttori ed agricoltori dallo strapotere delle centrali di acquisto di ipermercati e supermercati. La norma, però, si applicava a tutti gli acquisti di alimenti da chiunque effettuati e, quindi, investiva centinaia di migliaia di imprese di tutte le dimensioni, ma prevalentemente micro, del settore della somministrazione di alimenti e bevande che dovevano pagare a 30 giorni i fornitori di alimenti freschi ed a 60 quelli di alimenti non deperibili, pena una sanzione da500 a mezzo milione di euro. 

Tutto ciò ha messo in ginocchio un settore in forte difficoltà causando rilevanti problemi tanto ai ristoranti di fascia alta, che alle mense, che ai locali marginali, che agli stessi produttori destinati a perdere fasce di clientela che non potevano più permettersi di averedelle scorte, ma dovevano esasperare la rotazione del magazzino vista sia la difficoltà di accesso al credito che il divieto di contrattare diversi termini di pagamento. FIPE, con la assistenza del Prof. Antonio Baldassarre, ha provveduto sia a denunciare il Governo italiano alla Comunità affinché questa apra una procedura di infrazione, sia a porre
in essere le azioni per provocare una pronuncia della Corte Costituzionale. Dal 1° gennaio 2013, inoltre, è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 192/2012 di recepimento della Direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, che ha mutato radicalmente lo scenario normativo di riferimento che sarà oggetto di illustrazione nella presente pubblicazione.

 

scarica la guida

 

 

Letto 1491 volte

Articoli a cura di FIPE

  • Mixer giu. - Controllori e controllati
    Mixer giu. - Controllori e controllati Un’analisi della situazione delle ispezioni nei pubblici esercizi  Il tema dei controlli e delle ispezioni nei pubblici esercizi è argomento che richiama sempre l’attenzione delle imprese. Da un lato c’è una normativa di riferimento che negli anni è diventata sempre più ampia e complessa e di non facile applicazione ed interpretazione.
    Scritto Giovedì, 20 Giugno 2019 11:47 Leggi tutto...
  • Mixer giu. 2019 - Un dipendente su 4 è straniero
    Mixer giu. 2019 -  Un dipendente su 4 è straniero Nel 2018 erano oltre 200mila i lavoratori dipendenti stranieri occupati nel settore dei pubblici esercizi, pari al 24% dell’occupazione totale La crescita del lavoro straniero rappresenta uno dei principali fattori di trasformazione del nostro mercato del lavoro in questi ultimi anni con implicazioni ormai ben evidenti sui vari indicatori occupazionali. La domanda di forza lavoro immigrata non va più intesa come una possibile soluzione per far fronte a picchi produttivi, ma come una componente specifica dei fabbisogni occupazionali delle imprese nel quadro delle proprie strategie competitive e di gestione del capitale umano.
    Scritto Giovedì, 20 Giugno 2019 11:43
    Tags: lavoro mixer 2019
    Leggi tutto...
  • Mixer mag. 2019 - Stesso mercato, stesse regole
    Mixer mag. 2019 - Stesso mercato, stesse regole Che il trend della Sharing Economy sia in crescita è sotto gli occhi di tutti.Ne sono indici il proliferare delle piattaforme web specificatamente dedicate, la forte attenzione mediatica, nonché le proposte di legge avanzate nel corso delle ultime legislature in ordine alle diverse attività coinvolte. Fra i settori del mercato in cui il fenomeno in commento si riverbera, non è estraneo neppure quello della ristorazione.
    Scritto Venerdì, 24 Maggio 2019 11:59 Leggi tutto...
Archivio News Articoli a cura di FIPE