Sopra

sottoicon 33La Legge 7 novembre 2000 n. 327 recante “Valutazione dei costi del lavoro e della sicurezza nelle gare di appalto”, ha stabilito all’art. 1 che nella predisposizione delle gare di appalto e nella valutazione, nei casi previsti dalla normativa vigente, dell'anomalia delle offerte nelle procedure di affidamento di appalti di lavori pubblici, di servizio e di forniture, gli enti aggiudicatori sono tenuti a valutare che il valore economico sia adeguato e sufficiente rispetto al costo del lavoro. La determinazione del costo del lavoro deve essere resa nota periodicamente, in apposite tabelle, dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sulla base dei valori economici previsti dalla contrattazione collettiva stipulata dai sindacati comparativamente più rappresentativi, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali.

Il Ministero del Lavoro per arrivare alla costruzione del costo orario per i lavoratori delle aziende della ristorazione collettiva consulta la Fipe e le altre organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori firmatarie del Contratto Collettivo Nazionale per i dipendenti da aziende del settore Turismo.

Su indicazione della Federazione l’elaborazione dei costi orari del Ministero del Lavoro tiene conto dei costi orari sia a livello nazionale che provinciale.

Di seguito le tabelle (nazionali e provinciali) sul costo orario per i lavoratori delle aziende della ristorazione collettiva elaborate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

 

 
 

News Tabelle costo del lavoro