Venerdì, 15 Febbraio 2019 09:22

Piano di welfare aziendale

Con la risposta n. 10 del 2019 l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un’istanza di un’impresa circa l’applicabilità del regime fiscale agevolato previsto dal TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi) per i piani di Welfare Aziendale. 

L’agenzia ha voluto evidenziare che il legislatore non riconosce l’applicazione delle disposizioni fiscali agevolate se le somme o servizi indicati di welfare aziendale “siano rivolti ad personam ovvero costituiscano dei vantaggi solo per alcuni e ben individuati lavoratori”.

La nozione di “categoria di dipendenti” da tenere in considerazione riguarda una tipologia di dipendenti, accomunati ad una categoria, ad esempio perché appartenenti al medesimo livello, inquadramento contrattuale o qualifica professionale.

Anche ad uno stagista può essere riconosciuto il regime fiscale agevolato, in quanto il reddito da lui percepito è assimilabile a quello di lavoro dipendente, così come previsto dal TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi).

Per quello che riguarda, invece, la possibilità di applicare le agevolazioni anche agli amministratori, tale condizione è vincolata, alla riconducibilità delle prestazione di lavoro dell’amministratore a quella di lavoratore dipendente, ai fini fiscali. Tale condizione prescinde dalla qualifica con cui è inquadrato l’amministratore ed è invece legata alla necessità che questo sia “alle dipendenze e sotto la direzione di altri” (articolo 49, comma 1, del TUIR).

A tal proposito, la prestazione di lavoro dell’amministratore dovrà svolgersi nel luogo e negli orari scelti dal datore di lavoro, utilizzando la strumentazione e le relative indicazioni tecniche da questo fornite.

In ogni caso la qualifica di amministratore unico di una società, visto il contenuto imprenditoriale dell’attività svolta dall’amministratore, impedisce la creazione di un rapporto di subordinazione, tra lo stesso e il datore di lavoro.

La deducibilità integrale dei costi sostenuti dall’impresa con il Piano Welfare Aziendale è applicabile se il Piano di Welfare è contenuto in un accordo collettivo o un regolamento che configuri l’adempimento di un obbligo negoziale e che tale regolamento dovrà essere, non revocabile né modificabile autonomamente da parte del datore di lavoro.

 

15-02-2019

Letto 332 volte