Martedì, 01 Marzo 2016 12:47

Decreto Milleproroghe: Proroga esenzione pagamento ticket licenziamenti per i cambi di appalto

Approda in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto Milleroroghe 2016. Il provvedimento contiene importanti differimenti normativi, tra i quali il rinvio dell’applicazione del contributo di licenziamento negli appalti.
La legge 28 giugno 2012, n. 92 (cd. Riforma Fornero), all’articolo 2, comma 31, aveva introdotto il ticket sui licenziamenti, in base al quale in tutti i casi di interruzione di un rapporto di lavoro per uno dei motivi che generi in capo al lavoratore il diritto all’indennità Aspi (oggi NASpI), a prescindere dall’effettiva percezione della stessa, l’impresa deve versare un contributo pari al 41% del massimale mensile NASpI per ogni 12 mesi di anzianità degli ultimi tre anni.

Per il triennio 2013-2015, dal versamento di tale contributo erano stati esclusi i licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto ai quali sono succedute assunzioni presso altri datori di lavoro in attuazione di clausole sociali che garantiscono la continuità occupazionale prevista dai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.
Grazie all’intervento della Fipe, in sede di conversione del decreto legge, è stato approvato l’emendamento (articolo 2–quater, comma 1, del decreto-legge n. 210/2015 così come modificato dalla legge di conversione n. 21/2016),  che conferma anche per il 2016 l'esclusione dal versamento del contributo dovuto all'INPS di cui sopra. Si precisa che, secondo una corretta interpretazione, sono soggette alla proroga anche le ipotesi di subentro di nuovo operatore in successivi rapporti di concessioni come disciplinato dall’articolo 346 del CCNL Turismo 20 febbraio 2010.

Letto 1984 volte