Stampa questa pagina
Lunedì, 24 Febbraio 2020 09:54

Buoni pasto, Fipe plaude al modello del Trentino: “Si scavalca la Consip per dare più garanzie a bar e ristoranti. Avanti così”

“Niente servizio di buoni pasto se i ribassi di gara vengono scaricati sulla pelle dei ristoratori. Questo è il principio che abbiamo sempre sostenuto e che ora anche alcune realtà locali stanno applicando. A cominciare dalla Provincia di Trento che recentemente ha deciso di gestire in proprio la gara da 55 milioni di euro per il servizio di erogazione dei buoni pasto per i suoi dipendenti, senza appoggiarsi a Consip. 

In questo modo ha potuto sospendere le assegnazioni appena si è resa conto che le prime due classificate avevano proposto contratti di convenzionamento irregolari per ammortizzare le loro offerte ribassate del 10% e del 7,7% circa. Contratti che avrebbero danneggiato i pubblici esercizi. È la prova che, se si vuole operare nell'interesse generale, il modo di farlo esiste”. Così Roberto Calugi, Direttore Generale di Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi.

“Consip - conclude il Direttore - si ostina a non voler capire che un altro modello è possibile, nonostante quello adottato fino a questo momento abbia portato al disastro di Qui!Group, che ha scaricato 200 milioni di euro di suoi debiti sulle spalle dei ristoratori e delle imprese di distribuzione. Ecco perché il nostro interlocutore, per risolvere la questione in maniera definitiva, non è Consip ma il Governo, cui chiediamo di garantire il valore nominale dei buoni pasto lungo tutta la filiera”.

 Ufficio Stampa FIPE Roma, 21 febbraio 2020 

Letto 538 volte
Joomla SEF URLs by Artio