Stampa questa pagina
Lunedì, 17 Dicembre 2012 10:45

TITOLO VI - CAPO II

TITOLO VI - TRATTAMENTO ECONOMICO

CAPO II - PAGA BASE NAZIONALE

Articolo 152 – Paga base nazionale   

Articolo 153 – Una tantum  


Articolo 152 – Paga base nazionale

(1) Ai rispettivi livelli previsti dalla classificazione del personale corrisponde un valore di paga base nazionale conglobata mensile che si raggiunge entro il 1° luglio 2009, con le gradualità e le decorrenze di seguito indicate.

livelli

luglio 2007

gennaio 2008

luglio 2008

luglio 2009

A

1.242,74

1.306,88

1.342,51

1.378,14

B

1.115,37

1.174,75

1.207,74

1.240,73

1

1.003,38

1.058,70

1.089,44

1.120,17

2

876,02

926,58

954,67

982,77

3

799,29

846,98

873,47

899,97

4

727,75

772,75

797,75

822,75

5

652,43

694,64

718,08

741,53

6S

608,99

649,57

672,11

694,66

6

593,11

633,11

655,34

677,56

7

525,10

562,59

583,42

604,24

(2) Per il personale delle aziende minori degli alberghi, dei campeggi e delle agenzie di viaggio, nonché per quello dei pubblici esercizi e degli stabilimenti balneari di terza e quarta categoria, si fa rinvio ai valori previsti per ciascun comparto nella parte speciale del presente contratto.

(3) Per gli apprendisti si fa rinvio a quanto previsto dall’articolo 58 del presente contratto.

(4) La paga base nazionale sopra riportata è comprensiva anche degli elementi retributivi elencati:

- all'articolo 65 del CCNL 14 luglio 1976 per i dipendenti da Alberghi e Pubblici Esercizi;

- all'articolo 40 del CCNL 9 febbraio 1978 per i dipendenti da Stabilimenti balneari;

- nella terza parte dell'Accordo di rinnovo del 14 luglio 1977 per i dipendenti da Imprese di viaggi e turismo;

- indennitĂ  di contingenza maturata fino al 31 gennaio 1977;

- elemento distinto o autonomo dalla retribuzione di cui agli articoli 81 e 87 del CCNL 10 aprile 1979.

(5) La paga base di cui al primo comma, è incrementata con le gradualità e le decorrenze di seguito indicate:

 

livello

gen-10

set-10

mar-11

set-11

mar-12

set-12

apr-13

totale

A

14,26

21,38

21,38

21,38

21,38

35,63

28,49

163,90

B

13,20

19,80

19,80

19,80

19,80

32,99

26,37

151,76

1

12,30

18,44

18,44

18,44

18,44

30,74

24,57

141,37

2

11,24

16,86

16,86

16,86

16,86

28,09

22,46

129,23

3

10,60

15,90

15,90

15,90

15,90

26,50

21,18

121,88

4

10,00

15,00

15,00

15,00

15,00

25,00

20,00

115,00

5

9,38

14,07

14,07

14,07

14,07

23,45

18,74

107,85

6s

9,02

13,53

13,53

13,53

13,53

22,55

18,02

103,71

6

8,89

13,34

13,34

13,34

13,34

22,23

17,77

102,25

7

8,33

12,50

12,50

12,50

12,50

20,83

16,65

95,81

 

(6) Per le imprese del settore della ristorazione collettiva, le parti, in considerazione degli effetti della crisi strutturale che investe il comparto e delle problematiche relative all’aumento del costo delle materie prime, al mancato adeguamento dei prezzi all’inflazione, al ritardo nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione, alla difficoltà di recupero degli aumenti contrattuali nei confronti della committenza, si danno atto e convengono che tali peculiari situazioni rendono indispensabile prevedere un differimento, rispetto alla tempistica generale, degli aumenti contrattuali di cui al presente contratto. Pertanto, gli importi corrispondenti ai nuovi valori retributivi spettanti per il periodo gennaio – giugno 2010 saranno erogati a decorrere dal mese di luglio 2010, in sette rate mensili. In caso di sospensione del rapporto l’erogazione dei suddetti importi avverrà a partire dal primo mese utile.

(7) Quanto stabilito al comma precedente trova applicazione anche nei confronti delle imprese di viaggio e turismo, in considerazione degli effetti della crisi strutturale che investe il comparto e delle problematiche connesse al fenomeno della disintermediazione.

(8) I nuovi valori di paga base relativi al mese di gennaio 2010 elencati al comma 5 si applicano solo ai rapporti di lavoro in essere alla data di stipula del presente Contratto. Gli incrementi di paga base relativi al mese di gennaio 2010 saranno corrisposti con la retribuzione del mese di febbraio 2010, salvo quanto previsto ai precedenti commi 6 e 7.

toppage


Articolo 153 – Una tantum

(1) Al personale in forza alla data del 27 luglio 2007 sarà riconosciuto, per il servizio prestato nell’ambito del rapporto di lavoro in essere alla predetta data nel corso del periodo 1 gennaio 2006 – 30 giugno 2007 (carenza contrattuale), il seguente importo una tantum:

livelli

agosto 2007

febbraio 2008

A, B

213

253

1, 2, 3

181

215

4, 5

160

190

6S, 6, 7

128

152

(2) Per gli apprendisti e per il personale retribuito con la percentuale di servizio, l’ammontare dell’una tantum è determinato in euro 234, di cui 110 da erogarsi con il foglio paga del mese di agosto 2007 e 124 da erogarsi con il foglio paga del mese di febbraio 2008.

(3) Ai lavoratori che non abbiano prestato servizio per l’intero periodo di carenza contrattuale, gli importi di cui sopra verranno erogati pro quota, in ragione di un diciottesimo per ogni mese intero di servizio prestato. A tal fine non verranno considerate la frazioni di mese inferiori a 15 giorni, mentre quelle pari o superiori a 15 giorni verranno computate come mese intero.

(4) Analogamente si procederĂ  per i casi in cui non sia dato luogo a retribuzione nello stesso periodo, a norma di legge e di contratto (ivi compresa la malattia), con esclusione dei casi di maternitĂ  ed infortunio.

(5) Per il personale in servizio con rapporto di lavoro a tempo parziale, l’erogazione avverrà con criteri di proporzionalità.

(6) Gli importi una tantum di cui sopra non sono utili agli effetti del computo di alcun istituto di legge e contrattuale né del trattamento di fine rapporto.

(7) Le disposizioni del presente articolo non si applicano ai dipendenti delle aziende di ristorazione collettiva.

CHIARIMENTO A VERBALE

In parziale deroga rispetto a quanto disposto dal terzo comma del presente articolo, le parti si danno atto che nessun riproporzionamento verrĂ  effettuato per assenze complessivamente non superiori, nel periodo di carenza contrattuale, ai trenta giorni.

toppage

TORNA ALL'INDICE TITOLO VI - TRATTAMENTO ECONOMICO

TORNA ALL'INDICE GENERALE

Letto 23049 volte
Joomla SEF URLs by Artio