Il servizio di recruiting di ALMA al servizio degli associati Fipe

Nell’ambito del Protocollo sottoscritto il 17 dicembre 2020, ALMA, la scuola internazionale di cucina, ha messo a disposizione della Federazione, gratuitamente, il proprio servizio di Recruitment Almalink.

 

Ho sentito che sono state emanate le nuove linee guida per la ripresa delle attività. Con riferimento alla ristorazione, viene previsto il distanziamento di due metri di cui tanto hanno parlato i giornali nello scorso mese?

La conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta dello scorso 28 aprile, ha approvato le nuove “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali” che disciplinano anche il settore della ristorazione.

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta dello scorso 28 aprile, ha approvato le “linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali”, disciplinanti, tra l’altro, le misure di prevenzione relative ai settori della ristorazione e dei ricevimenti conseguenti alle cerimonie (allo stato vietati ex art. 16, comma 2 DPCM del 2 marzo u.s.), nonché degli stabilimenti balneari.

Con le Ordinanze del 30 aprile 2021 il Ministero della Salute ha disposto, con efficacia a partire da oggi, il passaggio dalla zona rossa alla zona arancione della Regione Sardegna, fino al 16 maggio p.v., e dalla zona arancione alla zona rossa della Regione Valle d’Aosta, fino al 17 maggio 2021.

 

 

Siglato un protocollo di intesa tra Polizia di Stato, Fipe-Confcommercio e il Gruppo Donne imprenditrici di Fipe per una sperimentazione in 20 città

Martedì, 27 Aprile 2021 16:50

FAQ D.L. n. 52/2021, c.d. “Riaperture”

Il D.L. “Riaperture” prevede una nuova disciplina per le attività dei servizi di ristorazione in zona gialla, prescrivendo il consumo al tavolo esclusivamente all’aperto. Che cosa deve intendersi per “servizi di ristorazione”? Sono ricompresi, oltre ai ristoranti, anche bar, pub ecc?

E’ ragionevole ritenere che la disciplina stabilita dall’art. 4 del D.L. “Riaperture”, sia rivolta a tutte le attività economiche incluse nella sezione della classificazione elaborata dall’ISTAT denominata “attività dei servizi di ristorazione” (Codice ATECO 56); dunque, risulta applicabile non solo ai ristoranti in senso stretto, bensì anche a pizzerie, bar, caffetterie, gelaterie, pasticcerie, pub ecc.

 “Da mesi dinanzi ai contagi che crescono denunciamo l’inefficacia di misure di contrasto della pandemia che hanno un unico leit motiv: la chiusura dei pubblici esercizi. 

Facendo seguito alle novità introdotte con il D.L. n. 52/2021, c.d. “Riaperture” (cfr. news Fipe), il Ministero della Salute, con le Ordinanze del 23 aprile 2021 ha disposto, con efficacia a partire da oggi, 26 aprile 2021, la collocazione in zona gialla per Abruzzo, Bolzano, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Trento, Umbria e Veneto, mentre ha previsto il passaggio dalla zona rossa a quella arancione delle Regioni Puglia e Valle d’Aosta, così collocate, fino al 10.05.2021, al pari di Basilicata, Calabria e Sicilia che, pertanto, si mantengono in arancione anche per i prossimi quindici giorni.

 

 

Venerdì, 23 Aprile 2021 19:58

DECRETO “RIAPERTURE”

Il D.L. “Riaperture” alla luce dei dati scientifici sull’epidemia e dell’andamento della campagna di vaccinazione, delinea il cronoprogramma relativo alla graduale ripresa delle attività economiche e sociali.

 

 

Il rapporto con il consumatore post-covid è soltanto uno degli aspetti con cui le imprese dovranno fare i conti nel prossimo futuro. È necessario riorganizzare l’offerta e con essa i processi produttivi dall’approvvigionamento, alla preparazione e alla vendita. In tale ambito assumerà un ruolo centrale il rapporto con i fornitori anche per garantire quel necessario credito commerciale che da sempre costituisce una modalità di finanziamento dei pubblici esercizi.