Che il trend della Sharing Economy sia in crescita è sotto gli occhi di tutti.
Ne sono indici il proliferare delle piattaforme web specificatamente dedicate, la forte attenzione mediatica, nonché le proposte di legge avanzate nel corso delle ultime legislature in ordine alle diverse attività coinvolte. 
Fra i settori del mercato in cui il fenomeno in commento si riverbera, non è estraneo neppure quello della ristorazione.

IN UN ANNO I PREZZI SONO CRESCIUTI DELL’1,3% 
Il 2018 va in archivio con una inflazione dell’1,2%, che replica “la dinamica annua del 2017”. Il trend dell’inflazione mostra nel primo trimestre 2018 un rallentamento portandosi a +0,7%, per poi accelerare nei trimestri successivi attestandosi a +1,4% nel quarto trimestre dell’anno.

La cucina italiana: orgoglio degli italiani, ispirazione per gli stranieri, ali e radici per chi viene e torna nel nostro Paese. In numeri, la nostra ristorazione vale 300mila imprese, 85 miliardi di fatturato e 43 miliardi di valore aggiunto all’anno per 1 milione di occupati. Meno puntuale, ma non meno strategico, il valore intangibile del settore in termini sociali, storici, culturali, antropologici e come volano dell’attrattività turistica e dell’intera filiera dell’agroalimentare del Paese. Ora, poi, il settore sta vivendo una popolarità senza precedenti, con gli Chef famosi come attori e contesi come influencer, a dimostrazione che la cucina - da sempre strumento di comunicazione - è appetibile anche come strumento di consenso.

Si ricorda che è in corso l’annuale campagna per il pagamento dei compensi per diritti connessi per musica d’ambiente promossa da SCF (Consorzio Fonografici) per il tramite della SIAE, che provvederà a spedire ai pubblici esercizi il bollettino MAV da utilizzare sia presso gli sportelli bancari che quelli postali. Si ricorda che il pagamento può essere effettuato anche on line attraverso il portale SIAE (https://www.siae.it/it/sol_mda/u/subscription).

Sono 29 i ristoranti della provincia che hanno già aderito all’innovativa iniziativa.
La possibilità di riportare a casa, utilizzando appositi contenitori, le porzioni di cibo e le quantità di vino non consumate durante il pasto.
Confcommercio Chieti riporta sul territorio provinciale, unico caso in Abruzzo, il progetto nazionale contro lo spreco alimentare denominato “Rimpiattino” lanciato da Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) Confcommercio e da Comieco, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo di carta e cartone. L’iniziativa è stata illustrata questa mattina, nello splendido scenario del Parco dei Priori a Fossacesia, da Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti, coadiuvata nella spiegazione della validità del progetto da Aldo Cursano, vice presidente nazionale Fipe-Confcommercio, da Anna Lapini, componente della giunta nazionale di Confcommercio nonché delegata dal presidente alla legalità e dal padrone di casa, il sindaco di Fossacesia Enrico di Giuseppantonio.

Dopo una approfondita negoziazione è stato sottoscritto nella tarda sera di ieri, 15 maggio, il rinnovo dell’Accordo Nazionale di Lavoro per i dipendenti delle Gaming Hall, le sale specializzate per l’offerta del Bingo e degli altri giochi pubblici regolamentati.

Mercoledì, 15 Maggio 2019 14:46

Incentivo Occupazione Sviluppo Sud

L’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud, è stato istituito con decreto ANPAL n. 178 del 19 aprile 2019, per favorire l’assunzione di persone con difficoltà di accesso all’occupazione.

Destinatari dell’incentivo
L’incentivo spetta ai datori di lavoro privati che assumono, nel periodo compreso tra il 1° maggio 2019 al 31 dicembre 2019: persone disoccupate e beneficiari del reddito di cittadinanza.

 

Il Tar Lazio, con le sentenze nn. 5195/2019 e 5321/2019 torna ad effettuare una dettagliata disamina sulla corretta individuazione dei criteri distintivi dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande con quella di consumo immediato.

Il Collegio, in particolare, contesta con fermezza la decisione del Consiglio di Stato n. 2280/2019, con la quale, in estrema sintesi, si affermava che l’elemento distintivo fra la somministrazione di alimenti e bevande (effettuata dai pubblici esercizi) ed il consumo immediato (consentito ad esercizi di vicinato, artigiani e panificatori) risiedesse unicamente nella presenza, per i primi, dei camerieri.

ISS – Istituto Superiore di Sanità, FIPE – Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Reti Città Sane OMS ed Edenred, main partner del programma FOOD, per la prima volta insieme per promuovere l’aggiornamento e la formazione dei ristoratori italiani.

Presentato oggi in una conferenza stampa a Roma l’innovativa partnership tra pubblico e privato che da vita al roadshow di formazione itinerante per i ristoratori FIPE.

Il 2 maggio il presidente vicario Aldo Cursano ha partecipato alla trasmissione mi Manda Rai 3 sul prezzo del caffè al bar.

Pagina 1 di 80