Mercoledì, 15 Febbraio 2017 11:27

Il nuovo accordo Fipe-Siae per la musica d'ambiente – incontri regionali di presentazione dell’accordo

Il 1° gennaio 2017 è entrato in vigore il nuovo accordo che Fipe e Siae hanno siglato per la musica d’ambiente nei pubblici esercizi.
Si tratta di un passaggio epocale, risultato di trattative non sempre semplici, che ha portato al cambiamento radicale dei criteri di determinazione dei compensi per la musica d’ambiente.
Infatti è stato necessario abbandonare l’obsoleto criterio delle categorie dei locali – ormai disapplicato - ed adottare il criterio di calcolo della tariffa sulla base della superficie di somministrazione degli stessi. Questo criterio è quello utilizzato in buona parte dei Paesi dell’UE.

Questo criterio, insieme all’eliminazione delle maggiorazioni tariffarie per altoparlanti e monitor aggiuntivi e per TV oltre i 37”, introduce elementi di semplificazione e trasparenza degli adempimenti relativi al pagamento dei diritti d’autore.
Il nuovo accordo prevede inoltre la possibilità per gli esercenti di optare per tariffe flat audio o audio video, pagando le quali l’esercente potrà aggiungere apparecchi audio e/o audiovisivi senza dover pagare le tariffe previste per ciascun apparecchio.
Infine, per il primo triennio di vigenza dell’accordo gli esercenti già titolari di abbonamento SIAE potranno optare per il nuovo sistema tariffario, laddove più conveniente, oppure continuare a versare i compensi sulla base dei criteri precedenti.

D’intesa con SIAE, FIPE ha definito un programma di convegni e seminari regionali per illustrare a dirigenti e funzionari che operano sui territori le nuove condizioni tariffarie. 

A tutto il 31 gennaio sono stati organizzati i seguenti convegni:

Milano, 21 novembre 2016
Verona, 12 gennaio 2017
Rimini, 24 gennaio 2017

Queste le prossime tappe in programma: 

Genova, Liguria 21 febbraio 2017
Terni, 13 marzo 2017
Ancona, 14 marzo 2017

per maggiori informazioni inviare una mail specificando il lugo di interesse a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

15-02-2017

Letto 1217 volte