Venerdì, 12 Novembre 2021 12:27

LA RISTORAZIONE SCOMMETTE SUL PNRR. FIPE-CONFCOMMERCIO: “INCLUDERE I PUBBLICI ESERCIZI NEI PROGETTI PER IL TURISMO 4.0”

Roma, 12 novembre 2021 –Il settore della ristorazione vuole essere in prima linea nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza e nei progetti previsti per lo sviluppo del turismo 4.0.

Lo ha ribadito questa mattina il Direttore generale di Fipe-Confcommercio, Roberto Calugi, nel corso dell’audizione davanti alla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, impegnata nell’esame del Decreto Attuazione del Pnrr. I Pubblici esercizi rivendicano un ruolo determinante nell’offerta turistica del Paese e dunque puntano a beneficiare dei contributi per lo sviluppo e la valorizzazione del settore, in particolare per la digitalizzazione dei servizi, per l’efficientamento energetico degli edifici e per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Risorse per ora riservate alle sole strutture turistico ricettive, tra cui alberghi, agriturismi e stabilimenti balneari.

“Non si può dimenticare – ha sottolineato il direttore della Federazione italiana dei Pubblici esercizi – che, prima della pandemia, la spesa turistica per i servizi della sola ristorazione valeva 18,5 miliardi di euro (8,4 miliardi è la quota del turismo straniero), con un valore aggiunto di 7 miliardi. La ristorazione è determinante per l’attrattività turistica del nostro Paese non si può pensare di escluderla da un processo di ammodernamento e digitalizzazione. Se necessario vanno destinate maggiori risorse ma non si possono escludere alcuni settori a vantaggio di altri. Così si generano solamente inaccettabili asimmetrie concorrenziali.”.

“La qualità del mangiare e del bere ha aggiunto Calugi - è al secondo posto nella graduatoria delle ragioni ritenute più importanti dai turisti per visitare l’Italia ed è il primo motivo per il quale i turisti tornano nel nostro Paese, la volontà di sostenere lo sviluppo del comparto turistico, per questo le relative politiche devono necessariamente includere il settore della ristorazione”.

 

Letto 497 volte