Note per la stampa 2020

Domenica, 09 Febbraio 2020 09:53

Iva sui ristoranti

Fipe: “alzarla significa colpire milioni di lavoratori e mettere in crisi l'unico settore dinamico della nostra economia. Il governo ci ripensi” 

“Il governo dice di voler ridurre le imposte sui ceti medio bassi e per farlo propone di alzare l'Iva sul turismo, in particolare hotel e ristoranti, come se fossero soltanto i turisti stranieri a mangiare fuori casa o dormire in albergo. Ovviamente non è così: ogni giorno circa 10 milioni di lavoratori pranzano nei bar e nei ristoranti e lo fanno per necessità, non certo per scelta. Un aumento dell'Iva colpirebbe innanzitutto loro. Le risorse per ridurre l'Irpef vanno trovate altrove”.

 

Duecento studenti al primo appuntamento del progetto di formazione promosso da Fipe con i docenti di Google, TripAdvisor, The Fork e Glovo. Cursano: “Un buon digital manager può fare la differenza quanto un ottimo chef”. 

Il mondo della ristorazione investe sul futuro e apre le porte ai millennials. Grazie al progetto “Ristorazione 4.0, la Buona scuola è servita”, ideato da Fipe - Confcommercio, gli studenti di sei istituti superiori del Lazio, attraverso le lezioni di TripAdvisor, Google, The Fork e Glovo, avranno la possibilità di apprendere sul campo funzionalità ed usi dei nuovi strumenti che stanno rivoluzionando le modalità di gestione delle imprese e di svolgere un tirocinio all'interno di alcune aziende del settore dei pubblici esercizi.

 

DISTRIBUZIONE E RISTORAZIONE INSIEME PER FERMARE UN SISTEMA DISTORTO  
Tavolo unitario tra le associazioni di categoria: “Su ogni ticket c'è una tassa occulta del 30%.  
Così le imprese falliscono e il sistema collassa. Il caso Qui!Group non ha insegnato nulla”.  
Scatta la causa contro Consip 
#BuoniPastoInsostenibili

Il palcoscenico dell’Ariston è il più ambito e più temuto d’Italia e spesso gli artisti impegnati al Festival di Sanremo hanno bisogno di una pausa conviviale per vincere lo stress di questi giorni frenetici. Potrà aiutarli Fipe. Ancora una volta, infatti, Rai e SIAE, insieme al Comune di Sanremo, hanno chiesto alla Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi di allestire e presidiare la zona bar all’interno dello spazio SIAE, proprio accanto al grande palco esterno di Piazza Colombo allestito quest’anno per la prima volta.

L’ufficio studi FIPE – Confcommercio stima che l’allarme suscitato dalle notizie sulla diffusione del coronavirus stia mettendo in grande difficoltà la ristorazione cinese in Italia.

 

 “Un episodio di inconcepibile gravità quello che ha visto in questi giorni protagonista Madiha Khtibari, cittadina italiana di origini marocchine e titolare di un bar a Rezzato in provincia di Brescia vittima di una preoccupante aggressione razzista– Così Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, commentando i recenti fatti di cronaca – Alla giovane imprenditrice esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà. Per un gesto assolutamente vile e contrario ai valori di una civile convivenza. I bar, così come tutti gli altri pubblici esercizi, sono luoghi dove viene valorizzata la socializzazione e la convivialità, favorendo integrazione e dialogo tra le persone contrastando ogni discriminazione”.

Apprendiamo con favore la notizia della decisione del Comune di Montopoli di ricorrere in appello contro la recente sentenza del Giudice di Pace di San Miniato sugli home restaurant, che ha creato tanta confusione sulla stampa. Da sempre Fipe si batte per il rispetto delle regole e una sana concorrenza. Sarà interessante, a questo punto, capire come si pronuncerà la giustizia ordinaria su questa materia”. Così il direttore di Fipe, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, Roberto Calugi, ritorna sulla questione degli home restaurant.

Lo stato di salute del settore e i nuovi trend dei consumi degli italiani nel rapporto 2019 curato da Fipe

  • Cresce il numero delle imprese della ristorazione rispetto a un anno fa: 336mila di cui quasi una su tre gestita da donne e l'11,6% da cittadini stranieri. L'elevato turnover resta un'emergenza
  • In aumento anche la spesa delle famiglie, +0,7% in termini reali, che si assesta sugli 86 miliardi di euro nel 2019
  • Un trend che si rafforza sul lungo periodo: in 10 anni la spesa degli italiani per mangiare fuori è aumentata di 4,9 miliardi mente quella in casa si è ridotta di 8,6 miliardi di euro nello stesso periodo di tempo

“Quella del lavoro nero è una piaga che purtroppo affligge l’intera economia italiana e anche la ristorazione. La Federazione tutta ribadisce la propria ferma condanna a qualunque tipo di irregolarità che coinvolga il suo settore di riferimento”.Così Lino Enrico Stoppani, Presidente Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, commenta i risultati dell’operazione “master black” che ha condotto gli inquirenti a smantellare una rete di 250 lavoratori irregolari nel bresciano.

Fipe Presenta a Sigep la “Guida di business della gelateria” e i dati di un comparto da 4,2 miliardi di euro e 74mila occupati diretti

  • Il 43% delle 39mila gelaterie dello stivale si concentra nel sud e sulle isole. Quattro attività su dieci rinunciano alle chiusure invernali e restano aperte 365 giorni l'anno.
  • Il 62% degli intervistati ha una gelateria di fiducia, ma se deve provarne una nuova si affida soprattutto al passaparola. A pesare sul giudizio c'è la qualità delle materie prime utilizzate e la presenza o meno di un laboratorio all'interno del locale.
  • Nella scelta dei gusti, c'è poca fantasia: la maggior parte dei consumatori sceglie sempre gli stessi. I più gettonati sono cioccolato, fragola e nocciola.