Venerdì, 24 Maggio 2019 10:54

Mixer mag. 2019 - Tra il desiderabile di oggi e il sostenibile di domani

I temi della sostenibilità ambientale continuano ad essere di grande attualità, non solo per i continui allarmi sullo stato di salute della Terra, che arrivano da climatologi, ambientalisti ed ecologisti, ma anche per una nuova e più attenta sensibilità che il problema raccoglie da una fascia sempre più ampia della popolazione mondiale.

“Expo Milano 2015” ha certamente richiamato attenzioni e scosso coscienze sul tema, Papa Francesco vi ha dedicato una sua “rivoluzionaria” enciclica (Laudato Si’), a dimostrazione della rilevanza e dell’urgenza dei problemi, che impongono scelte difficili, alcune anche impopolari, perché comporterebbero rinunce e sacrifici rispetto a comodità e brutte abitudini che hanno un alto costo sociale, in termini di sostenibilità. Questo non significa convertirsi al fondamentalismo ambientalista o schierarsi con la teoria della “decrescita felice”, favorevole ad una riduzione controllata, selettiva e volontaria delle produzionie dei consumi per riequilibrare il rapporto tra uomo e natura, ma merita di tentare un avvicinamento responsabile al concetto di Alexander Langer, uno dei padri del movimento ambientalista italiano, che sosteneva: “la conversione ecologica potrà
affermarsi soltanto quando apparirà socialmente desiderabile”.

leggi l'intero articolo di Lino Enrico Stoppani pubblicato su Mixer di maggio 2019 in allegato

link correlati:

https://www.mixerplanet.com/

 

 

Letto 265 volte