Rendere più facili per le imprese del settore le donazioni di prodotti alimentari alle ONLUS per fini di solidarietà sociale e ridurre gli sprechi di cibo: questi gli obiettivi della Legge n. 166/2016, che entra in vigore il 14 settembre.

Contro gli sprechi alimentari: le azioni Fipe

Come si ricorderà, il 14 settembre 2016 è entrata in vigore la c.d. Legge Gadda contro gli sprechi alimentari (L. 166/2016) che contiene alcune disposizioni di interesse per i pubblici esercizi che vogliono donare, a fini di solidarietà sociale, le eccedenze alimentari prodotte nei propri locali.

Milano - Lino Stoppani, presidente dell’Epam, la maggiore organizzazione di Confcommercio che associa bar e ristoranti, è soddisfatto dell’approvazione della legge anti sprechi alimentari, “l’abbiamo voluta noi per dare seguito e concretezza alle finalità di Expo Milano 2015”, dice. “La legge risolve una serie di problemi burocratici che non aiutavano i ristoratori alla cessione gratuita dei cibi rimasti in dispensa. Così invece sarà tutto più facile. 

“Con questo provvedimento, il Parlamento Italiano inaugura una nuova stagione: quella della “sostenibilità concreta”. Con queste parole, Marcello Fiore – Direttore Generale di Fipe-Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ha commentato l’approvazione definitiva da parte del Senato della legge che combatte lo spreco alimentare insieme alle altre forme di spreco.