Il 28 settembre 2017 dalle ore 10.00 presso la Sala delle Colonne (LUISS) in viale Pola 12 a Roma si terrà la tavola rotonda organizzata dalla Luiss dal titolo: "Quale futuro per la gestione dei diritti connessi al diritto d'autore alla luce del Decreto legislativo 35/2017?".

• La Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha portato alla Camera dei Deputati le istanze degli operatori del settore per la gestione collettiva dei diritti d’autore.
• Il decreto legislativo tocca nel vivo gli interessi delle imprese rappresentate dalla Fipe in qualità di utilizzatori delle opere – soprattutto musicali – tutelate dagli organismi di gestione collettiva.
Ieri si è svolta presso la Camera dei deputati l’audizione presso la Commissione Cultura, Scienza e Istruzione relativa allo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi, alla quale la Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha partecipato in qualità di rappresentante degli operatori del settore.

Grazie all’azione dei rappresentanti di Fipe, SCF ha comunicato ufficialmente la proroga al 30 giugno 2017 del termine per il pagamento, tramite MAV inviato dalla SIAE, dell’abbonamento per l’anno in corso dei diritti connessi.
Si ricorda che, come già avvenuto per l’abbonamento SIAE, anche in questo caso i MAV verranno inviati riportando la vecchia tariffa, basata sul vecchio modello. Pertanto, per usufruire delle probabili convenienze del nuovo sistema tariffario, sarà necessario richiedere esplicitamente l’applicazione della tariffa del nuovo accordo.

Intervento del Presidente Citterio alla Tavola Rotonda del 28 settembre sui diritti connessi e d'autore
"Quale futuro per la gestione dei diritti connessi al diritto d'autore alla luce del Decreto legislativo 35/2017?" è il titolo della tavola rotonda tenutasi a Roma il 28 settembre che ha visto il qualificato contributo di Fipe con l’intervento del Presidente Citterio

È stato pubblicato sul sito dell’AGCOM il Regolamento attuativo del D.Lgs. 35/2017 in materia di diritto d’autore relativo ai poteri di vigilanza dell’Autorità stessa.
Nella delibera di approvazione del Regolamento, l’AGCOM riprende totalmente quanto più volte ribadito dalla Federazione e dai suoi rappresentanti in merito all’inapplicabilità dell’art. 23 del D.Lgs. sull’obbligo di rendicontazione dei contenuti trasmessi ai pubblici esercizi, in quanto fruitori essi stessi - prima ancora che utilizzatori - di repertori confezionati e scelti da altri soggetti quali radio, tv, ecc. e quindi impossibilitati ad avere a disposizione le informazioni richieste, scongiurando così il rischio delle pesanti sanzioni previste per il mancato adempimento (da 20.000 a 100.000 euro).

Le tariffe non hanno subito aumenti rispetto al 2017 grazie agli interventi Fipe e, come sempre, le imprese associate possono contare su sconti scaturenti dagli accordi tra Fipe-Confcommercio e SIAE.

SCF ha comunicato settimana scorsa le tariffe in vigore dal 1° gennaio 2018 per musica d’ambiente e per intrattenimenti in locali serali. Come previsto dall’accordo sottoscritto recentemente con SCF, le tariffe hanno subito un incremento dell’1,1% per effetto dell’applicazione dell’incremento ISTAT ivi previsto negli accordi tra le parti.