Il 18 novembre prossimo l’Agenzia delle Entrate comincerà a versare i contributi a fondo perduto destinati ai locali dei centri storici di 29 città italiane. Una boccata d’ossigeno importante per chi ha dovuto fare i conti non solo con il lockdown, ma anche con la scomparsa pressoché totale del turismo italiano e internazionale e ha visto, dunque, un crollo verticale dei propri fatturati.

Pubblicati sul sito di Unioncamere i bandi delle CCIAA per l’erogazione di contributi alle imprese che ospitano studenti nei percorsi di alternanza. 
Le Camere di commercio, in forza delle competenze in materia di Alternanza scuola-lavoro (ASL) ad esse attribuite dalla legislazione vigente, hanno emanato appositi bandi per l’erogazione di contributi/voucher alle imprese che ospitano studenti nell’ambito dei percorsi di ASL di cui alla Legge 107/2015.

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, promuove e coordina iniziative a sostegno della cooperazione con i Paesi di origine e del rafforzamento delle reti tra i soggetti coinvolti nella gestione dei flussi migratori.
Nell’ambito del suddetto Programma è stato pubblicato l’avviso “a sportello” per la richiesta di contributi finalizzati a sostenere tirocini formativi individuali di cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, che fanno ingresso in Italia ai sensi dell’art. 27, comma 1 lettera f), del D.lgs. n.286/1998 e dell’art.40, comma 9 lettera a) e comma 10, del DPR n.334/1999. (Cfr nostra circolare n. 19/2015)

È stata pubblicata dall’INPS la circolare 129/2020 che fornisce indicazioni sulla sospensione dei versamenti contributivi previdenziali e assistenziali in scadenza nel mese di novembre 2020 prevista dal decreto legge n. 149/2020 il cosiddetto decreto “Ristori bis”.

Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (prot. n. 0352471/2020) vengono definite le modalità e dei termini di presentazione dell’istanza, che potrà essere presentata a partire dal 18 novembre prossimo fino al 14 gennaio 2021, per il riconoscimento del contributo a fondo perduto per attività economiche e commerciali nei centri storici di cui all’art. 59 del provv. c.d. “Agosto” (istruzioni).