Nella giornata del 20 giugno u.s. una delegazione di Confcommercio e Fipe, con la partecipazione del Vice Presidente di Fipe Cursano, è stata audita per denunciare la concorrenza sleale di migliaia di circoli nei confronti dei pubblici esercizi presso la 1° Commissione Affari Costituzionali del Senato ed ha rappresentato la posizione e le istanze della Confederazione, della Federazione e delle Associazioni componenti, in particolare del Silb, in relazione alle agevolazioni fiscali concesse alle associazioni di promozione sociale per i servizi di somministrazione effettuati nei confronti dei loro soci.

Il Codice del Terzo Settore è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è entrato in vigore il 3 agosto u.s.
Le disposizioni di interesse della Federazione non risultano modificate, lasciando aperte le questioni relative alle attività di somministrazione effettuata nei confronti dei propri soci dalle associazioni di promozione sociale, soprattutto riguardo i benefici fiscali concessi alle stesse.

Piano di welfare aziendale

Con la risposta n. 10 del 2019 l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un’istanza di un’impresa circa l’applicabilità del regime fiscale agevolato previsto dal TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi) per i piani di Welfare Aziendale.