I DATI FIPE: 6,3 MILIONI FESTEGGERANNO AL RISTORANTE  
- In vista della lunga sequenza di ponti e festività di primavera la parola d'ordine è "aperti per ferie": domenica 21 aprile saracinesche alzate per il 90% dei ristoranti, a Pasquetta per l'82,2%, mentre il 25 aprile e il 1 maggio la quasi totalità dei pubblici esercizi sarà aperta (98,2%). 
- Cresce sempre più l'attenzione al tema dello spreco: il 76% dei ristoratori è pronto a dare la possibilità ai clienti di portare a casa cibi e bevande ordinati e non consumati. 

Forza, pazienza e intelligenza: le tre virtù capitali dell’imprenditore

CONFERENZA STAMPA 
Presentazione del Rapporto Ristorazione 2018 Fipe – Martedì 29 gennaio 2019 - Ore 11 - Presso Sede Fipe - Sala Cerroni (piazza G.G. Belli, 2 - 00153 Roma)

Turismo: +0,4% su febbraio 2018

In decelerazione i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dal +1,1% di gennaio al +0,4% di febbraio. L’aumento dei prezzi nei servizi di ristorazione si attesta ad 1,5% mentre i servizi di alloggio registrano una variazione del +0,4%.   Variazioni negative si registrano per i trasporti (-1,8%) e per le vacanze organizzate (-0,4%).

A febbraio 2019 i prezzi dei servizi di ristorazione commerciale (bar, ristoranti, pizzerie, ecc.) fanno registrare una variazione dello 0,2% rispetto al mese precedente e dell’1,6% rispetto allo stesso mese di un anno fa. A livello generale i prezzi al consumo aumentano dell’ 1,0%.

Turismo: +0,6% su marzo 2018

In lieve accelerazione i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa da +0,4% di febbraio a +0,6% di marzo.
L’aumento dei prezzi nei servizi di ristorazione si attesta ad 1,4% mentre i servizi di alloggio registrano una variazione del +0,4%. Una variazione negativa si registra per i trasporti (-2,6%).

A marzo 2019 i prezzi dei servizi di ristorazione commerciale (bar, ristoranti, pizzerie, ecc.) fanno registrare una variazione dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,5% rispetto allo stesso mese di un anno fa. L’inflazione acquisita per l’anno 2019 si attesta sull’ 1,1%. A livello generale i prezzi al consumo aumentano dell’ 1,0%.
Bar e ristoranti registrano aumenti dell’1,5%, le pizzerie dell’1,3%. Per la ristorazione collettiva il decremento si attesta sul -0,3%.

Nel primo trimestre del 2019 l’indice del fatturato (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) delle imprese che erogano servizi di ristorazione (bar, ristoranti, mense) è stato pari a 91,8 segnando una variazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente del +2,6%. Nel complesso del turismo (alloggio e ristorazione) l’indice del fatturato ha segnato un incremento del +1,8% per effetto della performance negativa dei servizi di alloggio (-0,9%). 

Lo scorso 28 dicembre il Ministero della Salute ha trasmesso al Parlamento la Relazione sulla “Vigilanza e controllo degli alimenti e delle bevande in Italia”, nella quale sono riepilogate le azioni ispettive realizzate nel corso del 2017 dalle Autorità competenti.