Lunedì, 02 Marzo 2020 12:08

DPCM 1_03_20 Aggiornamento misure urgenti di contenimento del contagio coronavirus

Ieri 1 marzo 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM “ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”.
Il Decreto prevede diverse misure per la zona rossa (in Lombardia i Comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D'Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini; in Veneto il Comune di Vò), la zona gialla (L'Emilia Romagna, la Lombardia, il Veneto, le Province di Pesaro e Urbino, Savona) e il resto del territorio nazionale.

 

Per quel che riguarda la zona rossa, nell’art. 1 vengono sostanzialmente confermate le misure urgenti di contenimento già previste, tra le quali figura anche la chiusura di tutte le attività commerciali, ad esclusione di quelle di pubblica utilità, dei servizi pubblici essenziali e degli esercizi commerciali per l’acquisto dei beni di prima necessità, secondo le modalità e i limiti indicati con provvedimento del prefetto territorialmente competente.

L’art. 2 detta invece le misure di contenimento da applicare nelle Regioni e nelle Province della zona gialla, tra le quali si evidenzia che rimane consentito lo svolgimento delle attività di ristorazione, bar e pub “a condizione che il servizio sia espletato per i soli posti a sedere e che, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali, gli avventori siano messi nelle condizioni di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro”.
Il medesimo articolo, inoltre, prevede la sospensione, fino all’8 marzo, di tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose .
Sono poi previste delle misure aggiuntive:
• per le province di Bergamo, Lodi, Piacenza e Cremona è prevista anche la misura aggiuntiva della “chiusura nelle giornate di sabato e domenica delle medie e grandi strutture di vendita e degli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, ad esclusione delle farmacie, delle parafarmacie e dei punti vendita di generi alimentari”;
• per tutta la Regione Lombardia e la sola provincia di Piacenza è prevista la “sospensione delle attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, centri culturali, centri sociali, centri ricreativi”.

È stata estesa a tutto il territorio nazionale la possibilità di ricorrere alla modalità di lavoro agile, per la durata dello stato di emergenza, da parte dei  datori di lavoro ad ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali. Gli obblighi di informativa previsti dalla legge, sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell'Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro.

Infine, vengono dettate delle misure da applicare sull’intero territorio nazionale, tra le quali figurano misure di prevenzione igienico sanitarie  (es. lavarsi le mani, evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute, ecc.) e misure di informazione: tra queste ultime, ad esempio, è previsto che i Sindaci e le Associazioni di categoria promuovano la diffusione delle informazioni sulle misure igienico sanitarie presso gli esercizi commerciali. Sul punto, si ricorda che la Federazione ha divulgato della cartellonistica volta a comunicare agli avventori un messaggio di responsabilità riguardo alle misure di prevenzione e sicurezza adottate dalle imprese di pubblico esercizio in coerenza alle linee dettate dall’Autorità sanitaria e di rassicurazione nei confronti dei turisti stranieri.

 

02-03-2020

Letto 2511 volte