Martedì, 25 Novembre 2014 15:33

OLIO NEI RISTORANTI: DOVE LE BOTTIGLIE NON SONO RABBOCCABILI?

olio-bot
OLIO NEI RISTORANTI: DOVE LE BOTTIGLIE NON SONO RABBOCCABILI?

Da oggi nei ristoranti di ogni tipo e nelle mense è obbligatorio offrire l’olio  extravergine di oliva in contenitori non rabboccabili, mentre ormai dal 2006  vige  il giusto obbligo di   etichettatura.


E’ questa una disposizione anacronistica ed insensata  poiché la sua motivazione risiederebbe nel voler impedire le sofisticazioni di olio da parte dei ristoratori, mentre numerose operazioni di polizia ed indagini  hanno dimostrato, invece,  che l’olio viene contraffatto a monte della ristorazione  in quantità ben più rilevanti rispetto a quella  modesta che il provvedimento vorrebbe impedire nei ristoranti vietando  le oliere a tavola.

“Le bottiglie con capsula non rabboccabile - dichiara il Presidente di FIPE – CONFCOMMERCIO  Lino Enrico Stoppani –, non hanno ancora totale diffusione  sul mercato, e hanno un costo superiore rispetto a quelle tradizionali e comunque richiedono   impianti di imbottigliamento non alla portata di tutti i produttori” .
“Inoltre – continua Stoppani – mancando una specifica omologazione da parte degli enti competenti dei dispositivi di chiusura anti rabbocco, prevediamo una serie di contestazioni da parte delle autorità di vigilanza sulla idoneità dei contenitori utilizzati dalla ristorazione con conseguente esposizione delle imprese al rischio di corrispondere sanzioni che arrivano fino agli 8.000 euro”.
“ E’ questo – conclude Stoppani – un modo di legiferare che non possiamo condividere poiché si sta facendo di tutto,  malgrado i proclami del Presidente del Consiglio, per rendere sempre più difficile la vita alle piccole imprese caricandole di oneri ai quali, oltretutto, non corrispondono nemmeno apprezzabili vantaggi per la collettività”.
Da ultimo il provvedimento danneggia l’ambiente poiché le bottiglie antirabbocco sono di difficile riciclo non potendosi separare il vetro dal dispositivo di chiusura e non è stata data alcuna tolleranza per lo smaltimento delle scorte.

Roma, 25-11-2014

scarica la nota


rassegna stampa

Letto 2068 volte