Note per la stampa 2014

capodanno
FIPE: NOTTE DI CAPODANNO IN UN LOCALE PUBBLICO PER 10 MILIONI DI ITALIANI
Dieci milioni di italiani
aspetteranno il 2015 al ristorante o in uno degli oltre 11mila locali serali (discoteche, sale da ballo, disco bar) in attività per la notte di San Silvestro.Per cenone e veglione al ristorante la spesa media è di 77 euro, mentre nei locali più informali basteranno, sempre in media, 50 euro.

Martedì, 16 Dicembre 2014 17:36

NATALE E CAPODANNO SECONDO FIPE

natale
NATALE E CAPODANNO SECONDO FIPE

Il Natale 2014 resterà nella memoria dei ristoratori come quello delle incertezze. Infatti, alla crisi economica gli esercenti stanno gestendo le incombenze relative agli allergeni, per le quali mancano indicazioni operative chiare e definitive, sulle modalità di comunicazione e il regime sanzionatorio.

Martedì, 16 Dicembre 2014 13:15

ALLERGENI: UN SOFTWARE FIPE PER I RISTORANTI

allergeni1
ALLERGENI: UN SOFTWARE FIPE PER I RISTORANTI

Vita più complicata per i ristoratori e per chiunque somministra alimenti e bevande. Da sabato scorso, 13 dicembre, è scattato l’obbligo di fornire indicazioni scritte ai clienti sugli ingredienti che possono scatenare allergie alimentari contenuti nei piatti dei loro menu.

ic-fipe-conf-tripad
FIPE, ASSOCIAZIONE LEADER DI RISTORANTI E CONFCOMMERCIO FIRENZE E PISTOIA HANNO SIGLATO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CON TRIPADVISOR, IL SITO DI VIAGGI PIÙ GRANDE AL MONDO
FIPE e TripAdvisor lavoreranno insieme per supportare e coinvolgere il settore della ristorazione italiano
L’accordo, che interessa le province di Firenze e Pistoia nei settori presidiati da FIPE e Confcommercio, prevede poi l’estensione a tutta Italia

olio_bottiglia
FIPE TOSCANA: LA CONTRAFFAZIONE DI EXTRA VERGINE NON LA FANNO I RISTORATORI
“L’obbligo di mettere sulla tavola dei ristoranti bottiglie di extravergine con tappo anti-rabbocco - dichiara Aldo Cursano, Presidente di Fipe Toscana e vice Presidente di Fipe nazionale -  è un’onta per le oltre 100 mila imprese del settore.

allergeni
FIPE: AL RISTORANTE ALLERGENI COMUNICATI AI CLIENTI ANCHE A VOCE
Possibilità di comunicare anche a voce la presenza di allergeni nei piatti del ristorante e proroga di almeno 18 mesi dell’entrata in vigore del regolamento sono le due misure che Fipe-Confcommercio Imprese per l’Italia ha chiesto al governo in occasione del tavolo tecnico che si è riunito questa mattina presso il Ministero dello sviluppo economico per discutere del regolamento UE 1169/2011 relativo all’etichettatura degli alimenti.

olio-bot
OLIO NEI RISTORANTI: DOVE LE BOTTIGLIE NON SONO RABBOCCABILI?

Da oggi nei ristoranti di ogni tipo e nelle mense è obbligatorio offrire l’olio  extravergine di oliva in contenitori non rabboccabili, mentre ormai dal 2006  vige  il giusto obbligo di   etichettatura.

allergeni
ALLERGENI NEGLI ALIMENTI: AL VIA SENZA CERTEZZE

Dal prossimo 13 dicembre anche  la ristorazione italiana dovrà informare la propria clientela sugli allergeni alimentari (uova, pesce, frumento, crostacei, molluschi…) eventualmente presenti nei piatti serviti.
Lo impone il regolamento CEE 1169/2011 per fornire una più completa tutela ai tanti cittadini, in Italia sono ben otto milioni, che soffrono di allergie o intolleranze alimentari.

Lunedì, 17 Novembre 2014 12:59

FIPE, UNA BUSSOLA ANCHE PER IL BAR

icona20-11-2014
FIPE, UNA BUSSOLA ANCHE PER IL BAR
Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia, ha organizzato un convegno per presentare il Manuale di Business del Bar, quarto volume de “Le Bussole”, la collana editoriale della Confcommercio.

Mercoledì, 10 Settembre 2014 15:45

AUMENTARE I BUONI PASTO PER CONTRASTARE LA CRISI

foto_convegno10-09-14
AUMENTARE I BUONI PASTO
PER CONTRASTARE LA CRISI
Aumentare il valore di deducibilità fiscale del buono pasto ha ripercussioni positive immediate sul Prodotto interno lordo, sul valore aggiunto e sul gettito fiscale. Ogni euro aggiuntivo di deducibilità fiscale del buono pasto genera un aumento dello 0,1% di Pil, un incremento di valore aggiunto da 0,75 a 1,35 miliardi di euro, mentre il gettito aggiuntivo netto di entrate fiscali può arrivare fino a 330 milioni di euro.

Pagina 1 di 5