Note per la stampa 2012

Martedì, 09 Ottobre 2012 18:16

ART 62 DL LIBERALIZZAZIONI DANNEGGIA ESERCENTI

ART 62 DL LIBERALIZZAZIONI DANNEGGIA ESERCENTI
merendineInizia il conto alla rovescia per l’entrata in vigore dell’articolo 62 del decreto sulle Liberalizzazioni e Fipe torna a protestare. La federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio  ha preso carta e penna ed ha scritto al presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti, e ai ministri Passera (Sviluppo economico), Catania (Politiche agricole e forestali) e Balduzzi (Salute) per spiegare i danni economici che questa norma produrrà ai piccoli imprenditori esercenti, così come alle più consolidate realtà della ristorazione collettiva.

Lunedì, 24 Settembre 2012 12:30

PRIVILEGI DEI GRANDI CREANO DANNI A ESERCENTI

PRIVILEGI DEI GRANDI CREANO DANNI A ESERCENTI
merendineManca ancora un mese esatto all’entrata in vigore dell’articolo 62 del Decreto Liberalizzazioni che impone il pagamento entro 30 giorni per le derrate alimentari e i pubblici esercizi manifestano preoccupazioni. Infatti, la norma studiata per riequilibrare il rapporto tra grandi centrali di acquisto e produzione si ripercuote gravemente sui pubblici esercizi, normalmente organizzati in aziende a carattere familiare o di piccole dimensioni, che in caso di ritardato pagamento rischiano sanzioni da 500 fino a 500mila euro.

Mercoledì, 12 Settembre 2012 15:22

FIPE, TUTELARE GIOVANI DA ABUSO ALCOL

FIPE, TUTELARE GIOVANI DA ABUSO ALCOL
alcol«Bene sta facendo il ministro della Salute, Balduzzi, per tutelare la salute dei giovani con provvedimenti equilibrati, come la regolamentazione di alcune pubblicità nel settore dei giochi».
È questo il commento di Lino Stoppani, presidente Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia, in occasione della pubblicazione a giorni sulla Gazzetta Ufficiale, del decreto che porta il nome del Ministro.

FIPE, TESSERA FISCALE PER CONTRASTARE LUDOPATIE
slot«Condividiamo in pieno le preoccupazioni del ministro della Salute, Balduzzi, sulle ludopatie, ma le misure annunciate che servirebbero a contrastarle non ci convincono per niente. Vietare gli apparecchi da intrattenimento nel raggio di 500 metri da scuole e strutture similari è perfettamente inutile, sia perché chi vuol giocare si sposta facilmente, sia perché il gioco è già vietato a coloro che frequentano le scuole in quanto, di norma, minorenni».

VACANZE ESTIVE: GLI ITALIANI TIRANO LA CINGHIA
icona_vacanzeestive«Mi domando come si possa parlare di giornata da ‘bollino nero’ sulle strade se a mettersi in viaggio saranno solo pochissime persone. Non voglio sottovalutare la prevenzione sulla sicurezza al volante, ma evidenziare che c’è un calo preoccupante di presenze in tutto il comparto del turismo, come dimostrato dai nostri dati».

TORNA IL CONTROLLO DELLA POLIZIA NEI CIRCOLI PRIVATI
drinkCon la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, attesa a giorni, della legge di conversione del decreto 79 sulla sicurezza dei cittadini, le forze dell’ordine potranno nuovamente mettere piede per effettuare controlli anche negli spacci dei circoli privati che per svolgere attività di somministrazione di alcolici dovranno darne comunicazione al questore.

FIPE: SULL’ALCOL NON SI SCHERZA, SÌ A LICENZA
alcolNonostante le indicazioni del Piano d’azione europeo del Who (World Health Organization, l’Organizzazione Mondiale della Sanità), che sollecitano i Governi dei paesi membri di far ricorso a un sistema di licenze e autorizzazioni per le attività che effettuano somministrazione di alcol, il Consiglio dei ministri prosegue sull’abolizione dei vincoli per l’apertura di bar e ristoranti.

Venerdì, 20 Luglio 2012 12:21

TURISMO: 2012, ANNUS HORRIBILIS

TURISMO: 2012, ANNUS HORRIBILIS  

Cicona_vacanzeestiveome nei consumi, anche nel turismo in Italia si sta tornando ai livelli di quindici anni fa. È quanto emerge dalla consueta indagine estiva del centro Studi Fipe, la federazione italiana dei pubblici esercizi aderente a Confcommercio – Imprese per l’Italia, in occasione della quale è stato esaminato anche la tendenza rispetto al passato.

SPENDING REVIEW
RIDURRE BUONI PASTO È FRENO AI CONSUMI

«Ridurre di due euro l’importo del buono pasto per i dipendenti pubblici nel momento in cui l’indice di fiducia dei consumatori è al minimo storico, come testimoniato dagli ultimi dati Istat, significa contrarre ulteriormente i consumi e penalizzare le famiglie. Oltretutto si tratta proprio di risorse destinate esclusivamente all’alimentazione».

FIPE: PIZZERIA IMPASTATO, SEGUIRE L’ESEMPIO
icona_nota25-05-12L’Italia ripudia la guerra: Articolo 11 della Costituzione. Si potrebbe aggiungere soprattutto quando la guerra, da quella armata a quella dei colletti bianchi, passando per pizzini e corruzione, scaturisce dalla mafia. Questo potrebbero aver pensato gli studenti del liceo scientifico Enrico Fermi di Cosenza che con una sceneggiatura ispirata a questo tema hanno vinto il concorso ideato da Solidaria dedicato a Libero Grassi e organizzato con il sostegno di Confcommercio-Imprese per l’Italia e del ministero dell’Istruzione.