Note per la stampa 2019

Il vicepresidente Cursano: “Su 60mila locali nel mondo solo 2.200 sono riconosciuti davvero come italiani. Ben venga un Comitato che tuteli i clienti” 

“I ristoratori italiani che lavorano all'estero sono veri e propri ambasciatori del nostro Paese nel mondo. Per questo il ristorante italiano deve diventare sinonimo di qualità, non solo per i prodotti che offre. Secondo le nostre stime nel mondo esistono circa 60mila ristoranti che si autodefiniscono italiani. Di questi solo 1 su 6 lo è davvero e soltanto 2.200 sono riconosciuti ufficialmente come tali. Per il resto ci troviamo davanti a imprenditori che sfruttano il prestigio di cui gode la cucina italiana e sempre più spesso anche i marchi dei locali più famosi, per racimolare qualche cliente in più: un problema su cui bisogna intervenire in maniera decisa. I ristoranti possono e devono diventare un argine formidabile contro l'italian sounding”.

Così Aldo Cursano, vicepresidente di Fipe, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, in merito all'emendamento alla legge di Bilancio, presentato a Palazzo Madama dal senatore Raffaele Fantetti.

“La cucina italiana è la più rinomata al mondo e, come è ovvio, tutti provano a copiare dai migliori. Dobbiamo reagire e dobbiamo farlo ora: bisogna creare una banca dati che censisca i ristoranti, le pizzerie e le gelaterie italiane e diventi una garanzia di qualità per i consumatori. L'italian sounding va combattuto a tutti i livelli, sia quello dei prodotti, che quello dei marchi. Per questo è importante costituire un Comitato di esperti che si occupi anche di promuovere le azioni legali, come previsto dall'emendamento Fantetti”.

 

Roma, 12 novembre 2019

Il Direttore Calugi: “Solo per il caffè i bar potrebbero pagare fino a 1 miliardo di euro l'anno. Il credito d'imposta del 30% non basta” 

“Oggi come oggi, se tutti cominciassero a pagare caffè e cappuccino al bar con il bancomat o la carta di credito, i locali si troverebbero a dover pagare commissioni insostenibili che potrebbero arrivare fino a 1 miliardo di euro l'anno. Stiamo parlando del 16% degli incassi derivanti dalla vendita di questi prodotti. Un’enormità tale da rendere assolutamente inefficace il credito d’imposta del 30% a beneficio delle attività che accettano il pagamento con il Pos previsto dal decreto fiscale. Non è sufficiente: vanno azzerate le commissioni bancarie per i pagamenti almeno fino a 15 euro”.

Fondatrice della White Ricevimenti, rimarrà in carica 5 anni: “Questo è un gruppo con grande passione che porterà idee nuove e tanta concretezza” 

Questa mattina l’assemblea del gruppo Donne Imprenditrici di Fipe - Federazione italiana dei pubblici esercizi - ha rinnovato i propri vertici, eleggendo il nuovo presidente e i membri del Consiglio direttivo.
A guidare l’associazione per i prossimi 5 anni sarà Valentina Picca Bianchi, classe 1977, fondatrice della so-cietà di catering White Ricevimenti di Latina. Quando parla di sé non nasconde di essere una persona determinata, rigorosa e perfezionista. Caratteristiche che intende trasferire anche all’interno del Direttivo dell’associazione.

 

Decesso in discoteca, Fipe: “Situazione fuori controllo, se accertate irregolarità il locale andrà chiuso”  
“ll binomio discoteche/sostanze stupefacenti deve essere smontato una volta per tutte, ma occorre che gli imprenditori siano attenti a cogliere anche il più piccolo segnale di allarme. La droga e' una piaga che attraversa l'intera società ma non si possono trasformare luoghi di divertimento in luoghi di morte. Se le indagini dovessero confermare che al Mind c’era una situazione di spaccio ordinario, l'unico provvedimento adeguato sarebbe la revoca permanente dell'autorizzazione”.

 

 

Lunedì, 21 Ottobre 2019 13:55

Rimpiattino, il progetto funziona

Mille ristoranti contro lo spreco alimentare 

• Nel corso dell’ultimo anno Fipe e Comieco hanno consegnato 35mila contenitori per l’asporto a 875 locali in tutta Italia. Il 41% è già stato utilizzato dai clienti che hanno voluto portarsi a casa a fine serata ciò che era rimasto loro nel piatto. Solo il 16% delle persone ha chiesto di utilizzare il rimpiattino per il vino.

HOST 2019 
Questa mattina, giornata inaugurale di Host, la principale fiera dedicata al mondo della ristorazione e dell’accoglienza, il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha visitato lo stand di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ed è stato protagonista di un simpatico siparietto accettando di esibirsi, a favore di telecamera, nella preparazione di una pizza, seguendo le indicazioni degli esperti delle scuole di cucina presenti alla manifestazione.

Giovedì, 17 Ottobre 2019 11:54

HOST 2019 - Barman, baristi o bartender

Fipe accende i riflettori sui professionisti dietro il bancone. Con una missione: farci bere bene e sano.  
• La Federazione Italiana Pubblici Esercizi sarà presente a Host dal 18 al 22 ottobre con 4 stand all’interno del padiglione 14, che per l’occasione si trasformerà in un locale aperto tutto il giorno, dalla colazione all’aperitivo, al cui interno si muoveranno i migliori professionisti del settore, ciascuno con le sue abilità e i suoi compiti specifici. Con un occhio di riguardo per la sostenibilità.

Il Presidente Lino Stoppani: “Ogni giorno 12 milioni di persone pranzano fuori casa” 
Dopo giorni di smentite e retromarcia, nonostante i messaggi di disapprovazione lanciati da più parti, siamo ancora qui a parlare di aumento dell’Iva agevolata per la ristorazione. Una misura del genere colpirebbe in maniera trasversale milioni di Italiani per cui un pasto fuori casa fa ormai parte dei consumi quotidiani, per necessità o per stili di vita consolidati e condivisi. 

 

Ristoratore ferrarese classe 1986, rimarrà in carica 5 anni: “Per misurarsi con la new economy serve un ricambio generazionale”  

Questa mattina l’assemblea dei Giovani imprenditori di Fipe - Federazione italiana dei pubblici esercizi - ha rinnovato i propri vertici, eleggendo il nuovo presidente e i membri del Consiglio direttivo.
A guidare l’associazione per i prossimi 5 anni sarà Matteo Musacci, ristoratore ferrarese classe 1986, fino a questo momento presidente della Federazione italiana dei pubblici esercizi di Ferrara e dell’Emilia Romagna e componente della giunta di presidenza di Fipe a livello nazionale.

Si moltiplicano i casi di plagio all’estero. Locali storici italiani sotto attacco 

“Il fenomeno dell'italian sounding sta dilagando in mezzo mondo e ormai non è più confinato ai soli prodotti alimentari. Si stanno moltiplicando infatti i casi di plagio ai danni di locali ed esercizi storici italiani e in particolare fiorentini, con imprenditori stranieri che aprono nei loro paesi bar, ri-storanti e pasticcerie uguali in tutto e per tutto, loghi compresi, a quelli presenti nelle nostre principali cit-tà. E' giunto il momento che il governo faccia sentire la sua voce e diventi un argine contro questo che è un vero e proprio furto di una proprietà intellettuale, oltre che di un'eccellenza nostrana. Non dimentichia-moci che la ristorazione è un settore che vale 85 miliardi di euro. Non possiamo permetterci che i brand italiani vengano utilizzati impropriamente all'estero”.