FIPE ALLA CAMERA CONTRO GLI SPRECHI ALIMENTARI

Il 16 settembre u.s. si è svolta presso la Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati l’audizione della Federazione su tre disegni di legge finalizzati alla riduzione degli sprechi,l’uso consapevole delle risorse e la sostenibilità ambientale e che mirano a favorire il recupero e la donazione dei prodotti invenduti alle associazioni benefiche.

• La Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha portato alla Camera dei Deputati le istanze degli operatori del settore per la gestione collettiva dei diritti d’autore.
• Il decreto legislativo tocca nel vivo gli interessi delle imprese rappresentate dalla Fipe in qualità di utilizzatori delle opere – soprattutto musicali – tutelate dagli organismi di gestione collettiva.
Ieri si è svolta presso la Camera dei deputati l’audizione presso la Commissione Cultura, Scienza e Istruzione relativa allo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi, alla quale la Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha partecipato in qualità di rappresentante degli operatori del settore.

• La Federazione Italiana Pubblici Esercizi chiede alle istituzioni una decisa azione nei confronti di attività condotte al di fuori di ogni regola e, in particolare, verso i canali web che le promuovono e beneficiano delle relative commissioni
• Secondo le stime della Fipe, gli home restaurant generano un'evasione fiscale e contributiva pressoché totale
• Il dato: il 60% delle intossicazioni alimentari proviene dall'ambito domestico, mancano controlli anche sulla sicurezza e la provenienza degli alimenti preparati

Si comunica che il 18 giugno u.s. è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n. 106/2016 recante “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale.”
La legge entrerà in vigore il 3 luglio p.v. e da quella data partiranno i dodici mesi previsti per l’emanazione da parte del Governo dei decreti delegati per disciplinare il settore sulla base dei principi contenuti nella legge delega, anche al fine di regolamentare meglio un settore che ha visto negli ultimi anni il verificarsi di diversi abusi della disciplina di favore che lo contraddistingue.

Nella giornata del 20 giugno u.s. una delegazione di Confcommercio e Fipe, con la partecipazione del Vice Presidente di Fipe Cursano, è stata audita per denunciare la concorrenza sleale di migliaia di circoli nei confronti dei pubblici esercizi presso la 1° Commissione Affari Costituzionali del Senato ed ha rappresentato la posizione e le istanze della Confederazione, della Federazione e delle Associazioni componenti, in particolare del Silb, in relazione alle agevolazioni fiscali concesse alle associazioni di promozione sociale per i servizi di somministrazione effettuati nei confronti dei loro soci.