A settembre 2017 i prezzi dei servizi di ristorazione commerciale (bar, ristoranti, pizzerie, ecc.) fanno registrare una variazione dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell’1,1% rispetto allo stesso mese di un anno fa. L’inflazione acquisita per l’anno 2017 si conferma sullo 0,5% sia per l’intero settore che per i comparti della ristorazione commerciale e della ristorazione collettiva. I prezzi della ristorazione si allineano con quelli generali. A livello  generale i prezzi al consumo aumentano dell’ 1,1%.  Per la ristorazione collettiva l’ incremento è dell’1,2%.

Il Ministero del lavoro, con la risposta ad interpello n. 19/2015, ha accolto le richieste della Fipe, estendendo la possibilità di derogare al limite dei 36 mesi il trattamento CIGS per imprese della ristorazione collettiva presso imprese industriali sottoposte a di integrazione salariale.

Giunto alla nona edizione, RISTORAZIONE 2016 riunirà ancora una volta a Milano per due giorni, il 6 e 7 ottobre prossimi, i protagonisti della ristorazione collettiva e commerciale in Italia.
Chiamati a raccolta da Ristorando, per un appuntamento ormai diventato punto di riferimento per il settore, tutti i principali caterer e innumerevoli operatori dell’offerta di equipment e di food&beverage dibatteranno sulle principali tematiche che interessano il comparto, attraverso numerosi momenti di incontro e riflessione che si svolgeranno nelle sale del centro congressi “Le Stelline”.

• Oggi audizione in Senato, la richiesta della Federazione Italiana Pubblici Esercizi: "Servono autorizzazioni per l'esercizio dell'attività, a tutela della sicurezza alimentare e della salute pubblica. I requisiti: tre anni di esperienza e una laurea in Medicina o materie affini"
• Sulle mense scolastiche: "No al cibo portato da casa. Necessario incidere sul costo dei pasti"
• Lo scenario della ristorazione collettiva in Italia: ogni giorno 5 milioni di persone consumano pasti in mensa. Un mercato da 6,6 miliardi di euro che impiega 73 mila lavoratori dipendenti in 1.400 imprese

E’ urgente correggere la norma che posticipa il ricorso agli ammortizzatori sociali per le aziende della ristorazione collettiva a fronte della crisi dell’azienda appaltante. Una discriminazione incoerente.

FIPE: è urgente correggere la norma che posticipa il ricorso agli ammortizzatori sociali per le aziende della ristorazione collettiva a fronte della crisi dell’azienda appaltante. Una discriminazione incoerente che fa pagare i costi di crisi altrui a dipendenti e imprese della ristorazione collettiva.

Il 21 settembre u.s. si è svolta presso la Commissione Agricoltura e produzione agroalimentare del Senato l’audizione della FIPE sul disegno di legge sulla ristorazione collettiva.
La Federazione segue da sempre questo settore e nel suo documento ha espresso i propri suggerimenti per rendere trasparente e sicura questa attività per i 5 milioni di persone che ogni giorno si recano nelle mense per mangiare.