PREZZI DEI BENI E SERVIZI TURISTICI: -0,6% SU MARZO 2014

TURISMO: PASQUA NON INFLUISCE SUI PREZZI

TURISMO: +0,5% SU MAGGIO 2014

Inversione di tendenza nei prezzi dei beni e servizi turistici che a maggio 2015 registrano una variazione positiva dello 0,5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. L’incremento dei prezzi è dovuto in particolare ai servizi ricreativi e culturali ed agli alloggi con aumenti, rispettivamente, del 2,1% e del +1,4%.

TURISMO: +0,7% SU GIUGNO 2014

In leggera crescita i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dallo 0,5% di maggio allo 0,7% di giugno.
L’incremento è dovuto soprattutto all’aumento dei listini dei servizi di alloggio che rispetto ad un anno fa salgono del 2,8%.

TURISMO: +1,2% SU AGOSTO 2014

In leggera crescita i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dall’1% di luglio all’1,2% di agosto. L’incremento è dovuto soprattutto all’aumento dei listini dei servizi di alloggio che rispetto ad un anno fa
salgono del 2,8%.

TURISMO: +0,6% SU SETTEMBRE 2014

Rallentano i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dall’1,2% di agosto allo 0,6% di settembre.
La decelerazione è dovuta soprattutto alla flessione dei listini delle vacanze organizzate che rispetto ad un anno fa scendono dell’1,4%.

TURISMO: +1,4% sul 2014

Accelerano i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dallo 0,6% di settembre all’ ’1,4% di ottobre. L’accelerazione è dovuta soprattutto all’incremento dei listini dei servizi di alloggio che rispetto ad un anno fa salgono del 4,6%.

TURISMO: -0,5% SUL 2014

Decelerano i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dal +1,4% di ottobre a -0,5% di novembre.
Il calo è da imputarsi soprattutto al forte decremento delle vacanze organizzate (-3,7%).

Turismo: -1,0% su dicembre 2014

Decelerano i prezzi dei beni e dei servizi turistici la cui variazione tendenziale passa dal -0,5% di novembre al -1% di dicembre. Il calo è da imputarsi soprattutto al forte decremento dei trasporti (-8,3%). Si mantiene intorno all’1% l’aumento dei prezzi nei servizi di ristorazione mentre registrano una significativa variazione negativa i beni turistici specifici e non specifici per effetto del ribasso dei prezzi dei carburanti.